fbpx
Esperienza Bio potere del colore verde articolo Lavinia De Naro Papa & Dario Ramerini

Un’esperienza veramente Bio: il potere del colore verde per cambiare nelle relazioni

Tabella dei Contenuti

Un’esperienza veramente Bio: il potere del colore verde per le relazioni

Perché essere Bio è considerata un’esperienza ancora oggi?

Caro Dario, per rispondere a questa domanda che mi gira per la testa da diverso tempo, mi vien voglia di raccontare di una mia ricerca personale che mi ha portata inaspettatamente alla risposta.

Qualche settimana fa, stavo cercando una libreria molto speciale dedicata ai libri per bambini, quando da lontano ho notato che c’era qualcosa di diverso.

Al suo posto un nuovo negozio faceva bella mostra di sé.

Che ne era dei libri e della mia missione educativa?

Sai che sono un tipo curioso, vero?

Perciò non mi sono lasciata scoraggiare dal sabotaggio della mia meta, anzi, lo spirito della scoperta ha cominciato a soffiare a pieni polmoni sulla mia anima stilosa.

Un negozio Bio con tanto di vetrina e foto di giovani ritratti nell’atto di comunicare valore al proprio territorio

Si parava davanti a me: ora potevo vederlo chiaramente! Eh sì, perché l’immagine della libreria, per un attimo si era sovrapposta e mischiata alla mia percezione, velandola di nostalgia. Invece, questa verde Bio, era tutta un’altra visione! Altro che miraggio! Campeggiava in bella mostra anche un progetto artistico correlato, con tanto di sostegno all’ambiente e alle persone.

Tutto ciò, mi ha colpita così tanto che sono entrata per chiedere subito spiegazioni.

L’addetta alle vendite che mi ha dato il benvenuto aveva l’aria di essere proprio una bella persona luminosa quando mi ha spiegato il progetto: solidarietà per il polo Bio tra diversi produttori a Kilometro Zero.

La signorina mi ha veramente accolta, circondandomi con la sua anima verde.

Ahhhh, il verde, che potere meraviglioso ha!

È energia legata a doppio filo proprio al cuore, il verde!

Chi lavora a contatto col pubblico sintonizzandosi sul verde può avere più facilità nell’accogliere e nel prendersi cura delle persone con notevole risparmio di energia emotiva: questo il suo significato segreto!

Concordo con te, Lavinia!

L’esercizio da fare è una visualizzazione, un’immaginazione attiva come quelle introdotte dalla psicologia Junghiana che dai libretti neri dello stesso Jung prese corpo.  Per entrare in sintonia col verde bisogna immaginarsi nella natura incontaminata, vibrando alla sua lunghezza d’onda fluente dalla punta dei capelli a quella dei piedi, all’unisono, di note verdi accese e vigorose. Circondarsi di verde nella mente, parando intorno all’immagine del sé idee lussureggianti di libertà, in un viaggio alla riscoperta del buon selvaggio che ognuno di noi ha nascosto dentro chissà dove.

Il verde è l’archetipo della Natura; sì perché i colori sono simboli, significati che fluiscono in continuazione rinnovandosi nella mente delle persone per durare in eterno. Il verde può portarci più facilmente di altri colori… Condividi il Tweet

WoW, Dario, è vero e ti dirò quello che mi arriva dopo aver ascoltato le tue parole.

Riscoprire il verde, mentalizzarsi al Bio, può portare naturalmente all’accettazione dell’altro e ad una conoscenza più profonda dello stesso, cioè di tutto ciò che noiosamente non vediamo più perché è sempre lì davanti ai nostri occhi stanchi di guardarlo.

E perché no anche di se stessi per il principio universale della corrispondenza “ciò che è vero fuori, è vero dentro e viceversa”, Lavinia! Un puzzle nel puzzle, come dici tu, un mosaico completo quanto basta per integrare l’altro all’interno, inglobandone l’essenza per non soffrire più la separazione da sé.

Insomma, “gli altri siamo noi” cantavano Tozzi e Raf, riecheggiando vagamente il vangelo apocrifo di Tommaso.

Noi che stiamo in comodi deserti
Di appartamenti e di tranquillità
Lontani dagli altri, ma tanto prima o poi
Gli altri siamo noi

In questo mondo piccolo oramai
Gli altri siamo noi

Compositori: G. Bigazzi / U. Tozzi
Cantanti: U. Tozzi e Raf.

Scegliere il verde, ossia il Bio, significa desiderare la serenità, la pace, l’apertura verso gli altri cercando di fare il “dentro come il fuori”. C’è il tempo del rosso, tranchant, visivo, accusatore e c’è il momento verde, riflessivo, pacifico, accorato e relazionale.

Ecco il verde è intelligente.

Lavinia, mi trovo in quello che dici al 100%! “Intelligente” significa accogliente proprio come la Natura, grande livella, che accetta tutto e tutti indistintamente per far sentire uniti e amati.

Certamente, Dario!
Il verde è la forza di conoscere gli altri attraverso l’accettazione delle proprie debolezze: equivale a prendere per buoni i nostri lati che non ci piacciono accogliendoli con tranquillità e gioia di viverli. Il verde è comunione, città interiore dove convivono pacificamente le persone assieme alla natura.

Inoltre, parlando di questo colore, c’è da aggiungere una cosa che ho provato personalmente.
La conoscenza del verde trasforma posso ben dirlo! Io, dopo averla fatta, sono tornata a camminare nei boschi vicino a dove abito per immergermi dentro fino a sentire l’energia degli alberi che mi avvolgono in un tutt’uno che fa gridare il cuore di meraviglia; insieme con Madre Natura sono riuscita così ad aprirmi maggiormente agli altri, inconsciamente ringraziandoli di esserci.

Quando evochi il verde possono accadere cose incredibili, Dario: tuffarsi in questo colore magico porta l’unità in sé stessi e un grande cambiamento di prospettiva! La potenza della natura fa accedere al cambiamento: basta volerlo per sentire qualcosa di diverso sulla nostra pelle.

A proposito di pelle, tornata nella mia, perché non ci stavo più dentro dalla voglia di raccontare il verde Bio, mi sono risvegliata nel negozio proprio mentre la signorina aveva finito di spiegarmi circa i singoli prodotti, espressamente dalla raccolta alla cooperazione tra i produttori locali. E poi… ha aggiunto di un progetto stupendo in spirito verde: in tempo di pandemia hanno voluto aiutare mettendo le foto degli artisti che ora sono “al palo” per dargli una vetrina.

Allineare tutto: mente, cuore e anima, questo aveva fatto il verde per lei!

Non solo informazione, ma passione per ciò che si vende come frutto del lavoro di squadra. Sì, perché il verde è il colore del benessere, facci caso!

Che ne dici Dario?

Dico che è stupendo questo verde, Lavinia!

Ora che mi ci fai pensare, il verde è calma attenzione.

Giallo+blu, dopotutto cosa da?
Verde, giusto?

Essere al verde significa aver mangiato il rosso, dopo aver scartato il bianco ed il nero, come simboleggia il cocomero o anguria che dir si voglia. Inoltre, per chi si sente italiano come noi, il verde è all’asta, cioè alla base di tutto e da quello bisognerebbe partire per ricominciare da zero dopo questa pandemia.

Che bella idea, Dario, una provocazione che arricchisce questa dell’italianità verde!

Così, impreziosita, sono uscita anche io dal negozio Bio, senza libri ma più consapevole.

Madre Natura, amica del territorio, mi ha veramente accolta a braccia aperte! Aveva il volto e la voce dell’addetta alle vendite, un viso che la passione verde aveva fatto diventare raggiante raccontandomi la storia dei prodotti e delle persone e, soprattutto, interessandosi prima di tutto alla mia!

Il verde è ascolto

Consiglio di tenerlo sempre a mente quando si vuole sviluppare questo beneficio vitale per la relazione.

La primavera chiama con la sua voce suadente: che ne dici, è arrivato il momento, di pensare verde e regalarci una vita più facile con relazioni che arricchiscano invece di puntare tutto su se stessi?

Per iniziare a farlo, forse ci vuole “il posto giusto”, un negozio preparato ad accogliere secondo i principi verdi ed i valori della comunicazione.

Ora Dario ed io l’abbiamo trovato!
E tu, ce l’hai o vuoi aprirlo, magari, con qualche consiglio sempreverde?

Lavinia De Naro Papa & Dario Ramerini

Potresti voler leggere altri nostri articoli?

Gli articoli di Lavinia e Dario

👆 Ecco la pagina 👆

+2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo articolo ti è stato utile? Potresti condividerlo.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn